Atelier delle Arti & degli Insegnanti

ATELIER DELLE ARTI & ATELIER DEGLI INSEGNANTI

Bertinoro | 24 – 27 luglio 2019

Un viaggio in compagnia di artisti e maestri

Un’occasione per conoscere e incontrare compagni d’avventura

Direzione artistica | Davide Rondoni e Riccardo Frolloni

Anche quest’anno il Centro di poesia contemporanea dell’Università di Bologna propone l’Atelier delle arti e degli insegnanti, in collaborazione con Fondazione Claudi e Centro Asteria.

L’atelier come momento formativo e di convivenza per giovani e adulti intorno all’arte.

Agli insegnanti sono dedicati due percorsi, validi come aggiornamento spendibile con la Carta del Docente:

  • Uno sulla grande poesia del Novecento tenuto da Davide Rondoni e Riccardo Frolloni e altri membri del Direttivo del Centro di poesia su autori significativi del secondo novecento ( Bertolucci, Pasolini, Sereni, Zanzotto…) in forma di conversazione e di laboratorio di lettura.
  • Un altro percorso di appunti sull’arte del cinema tenuto dal regista Giovanni Covili.

 

Il programma dell’Atelier delle Arti, come sempre rivolto a giovani e ad amanti dell’arte, è aperto anche agli insegnanti, e prevede ogni giorno un laboratorio di poesia e due incontri con artisti di varie arti (musicisti, scrittori, fotografi…).

L’Atelier avviene nell’incanto di uno dei luoghi più belli d’Italia, nel romagnolo Borgo di Bertinoro, patria dell’ospitalità, in una Rocca con vista sul mare, con ristorazione e abitazione in loco.

Si svolgerà anche una visita ad alcuni luoghi della poesia nei dintorni, come la casa di Pascoli e la chiesa di Polenta, che porta memoria di passaggi di Dante e di Carducci.

Sarà possibile usufruire dei Buoni Under 18 e Bonus Docenti e sarà rilasciato un attestato.

Il programma completo sarà divulgato a breve.

 

Quota di partecipazione all’Atelier delle Arti: € 250 in doppia*
                                                                               € 300 in singola*

Quota per studenti delle superiori e universitari: 200 euro

Quota di partecipazione all’Atelier degli Insegnanti (due giorni):
€ 250 in singola**
€ 200 in doppia**

Iniziativa subordinata a un numero minimo di partecipanti.

La quota comprende: vitto, alloggio, lezioni, presenza costante di tutor, partecipazione a gite e attività organizzate.

Se non si ha bisogno di vitto e alloggio, la quota per la partecipazione agli incontri è di 100 euro.

Iscrizione:
entro e non oltre domenica 7 luglio 2019 per i partecipanti all’Atelier delle Arti

entro e non oltre domenica 23 giugno 2019 per i partecipanti all’Atelier degli Insegnanti

* i 18enni in possesso del BONUS 18APP https://www.18app.italia.it/#/ che volessero ovviare i costi dell’Atelier delle Arti dovranno aggiungere il 22% alla quota di partecipazione
** Per ovviare le spese dell’Atelier degli Insegnanti tramite CARTA DEL DOCENTE, seguire la procedura d’iscrizione in: https://cartadeldocente.istruzione.it/#/

Per informazioni e Iscrizioni:
atelierdellearti@gmail.com

 

Per prenotazioni con 18app – CARTA del DOCENTE:
cultura@centroasteria.it
Centro Asteria di Milano
Piazza Francesco Carrara 17.1 – 20141 Milano
Tel 02/8460919


 OSPITI

 

 

Nazzareno Carusi

Nato a Celano nel 1968. L’etichetta discografica EMI ha pubblicato un suo triplo Live al Teatro Colón di Buenos Aires (Musorgskij, Quadri da un’esposizione), alle Jewel Box Series di Chicago (Scarlatti, Nove Sonate) e al Teatro alla Scala di Milano (Mozart e Schumann coi Solisti della Scala: Danilo Rossi – viola, Fabrizio Meloni – clarinetto, Francesco Di Rosa – oboe). A fine anno usciranno, per la Deutsche Grammophon, i Quintetti per pianoforte e fiati di Mozart e Beethoven con le prime parti soliste del Teatro alla Scala (Fabrizio Meloni e Gabriele Screpis) e dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia (Alessio Allegrini e Francesco Di Rosa); e, per la Warner, le Romanze e Liriche di Francesco Paolo Tosti e Franco Alfano con il soprano Eleonora Buratto. Consigliere artistico del Concorso Internazionale Pianistico “Ferruccio Busoni” di Bolzano, è titolare “per chiara fama” della cattedra di Musica da Camera all’Accademia Pianistica Internazionale “Incontri col Maestro” di Imola ed è professore ordinario della stessa materia al Conservatorio “Antonio Buzzolla” di Adria.

 

Nicola Samorì

Nicola Samorì (Forlì, 1977) è uno dei più interessanti e celebri artisti italiani contemporanei. Noto per i suoi dipinti che richiamano l’estetica del Seicento, Samorì indaga l’azione del tempo, il nostro rapporto con il passato, con i musei e con la storia dell’arte, l’alterazione cui le opere vanno incontro nel corso del tempo. Si è diplomato all’Accademia di Belle Arti di Bologna e ha esposto in tutto il mondo. Tra i vertici della sua carriera, la partecipazione a due Biennali di Venezia, quella alla mostra “Arte italiana 1968-2007. Pittura” a Milano (Palazzo Reale), le personali al MAC di Lissone, alla Kunsthalle di Kiel, al Centro Arti Visive Pescheria di Pesaro.

Giovanni Covini

 

Nato a Milano nel 1968, si diploma in Regia alla “Civica Scuola d’Arte Drammatica Paolo Grassi” nel 1990. Consegue un Master di sceneggiatura con: Robert Mc Kee, Davide Pinardi, Jean Claude Carrière, Doriana Leondeff. E’ docente presso la Scuola Paolo Grassi, la scuola Milano Cinema e Televisione e l’lstituto Europeo di Design. Docente di Linguaggio Cinematografico e Regia Cinematografica presso Civica Scuola di Cinema “Luchino Visconti” di Milano
Docente di Regia Cinematografica e di Directing Actors presso la Scuola Civica di Teatro “Paolo Grassi” di Milano
Relatore fisso presso Università “Vita Salute” San Raffaele di Milano per “Filosofia e Cinema”. Riconoscimenti per “Un Inguaribile Amore”, cortometraggio 2005: Premio David di Donatello 2006, Nastro d’Argento miglior corto 2006, Miglior Corto Italiano Maremetraggio 2007, Miglior Documentario ex aequo al Genovafilmfestival 2005, Miglior Film Festival di Cori 2006, Vincitore Secondo Premio al Fano Film Festival 2005, Vincitore Premio Shortvillage – Festival di Fano 2005, Premio speciale della giuria a Operenuove, Bolzano 2005. Finalista Premio Solinas Miglior sceneggiatura di lungometraggiocon – “La Durezza dell’Acqua”- 2006

Roberto Carnero

 

Roberto Carnero (Novara 1970) è dottore di ricerca in Italianistica (PhD University College London). Ordinario di Lingua e letteratura italiana presso il Liceo Scientifico Statale “Antonio Sant’Elia” di Cantù (Como), dal 2004 al 2010 è stato professore a contratto di Letteratura italiana contemporanea all’Università degli Studi di Milano. Dal 2014 è professore a contratto, presso il medesimo ateneo, di Didattica della letteratura italiana. È critico letterario per diverse testate, tra cui “Avvenire”, “Il Sole 24 Ore” e “Famiglia Cristiana”. È autore delle monografie Guido Gozzano esotico (De Rubeis 1996), Lo spazio emozionale. Guida alla lettura di Pier Vittorio Tondelli (Interlinea 1998), Silvio D’Arzo. Un bilancio critico (Interlinea 2002), Morire per le idee. Vita letteraria di Pier Paolo Pasolini (Bompiani 2010, nuova ed. 2015) e Under 40. I giovani nella nuova narrativa italiana(Bruno Mondadori 2010). Tra le sue curatèle, Verso la cuna del mondo di Guido Gozzano (Bompiani 2008), La nuova narrativa italiana dagli anni Ottanta a oggi (Principato 2009) e Racconti scapigliati (Rizzoli-Bur 2011). Con Giuseppe Iannaccone ha ideato e realizzato un corso in 6 volumi di letteratura italiana per le scuole superiori dal titolo Al cuore della letteratura (Giunti TVP – Treccani 2016).

Andrea Donaera

Andrea Donaera (Maglie, 1989) vive a Bologna. È laureato in Scienze della Comunicazione presso l’Università del Salento, dove è segretario del Centro di ricerca “PENS: Poesia Contemporanea e Nuove Scritture”.Dal 2016 dirige la collana di poesia Billie della casa editrice ‘Round Midnight. È il direttore artistico del festival letterario “Poié” di Gallipoli, e del Festival della poesia dialettale “Oju lampante”. Dal 2017 collabora con il magazine di approfondimento culturale “Midnight”, curando la rubrica Urban dedicata alla giovane poesia italiana. Ha pubblicato alcune raccolte di poesia. Tra le ultime: “Il latte versato” (Sigismundus, Ascoli Piceno, 2012, postfazione di Elio Pecora); “Certe cose, certe volte” (Marco Saya, Milano, 2013, introduzione di Nicola Vacca); “Occhi rossi” (‘Round Midnight, Campobasso, 2015, prefazione di Davide Rondoni). Ha inoltre pubblicato il saggio “Su una tovaglia lisa. Nell’Inventario privato di Elio Pagliarani” (L’Erudita, Roma, 2017).

Gianfranco Lauretano

Gianfranco Lauretano è nato nel 1962, vive e lavora a Cesena. Si occupa di poesia, narrativa e critica letteraria, collaborando a quotidiani e periodici; dirige la rivista di poesia “clanDestino”. Recentemente ha pubblicato i volumi di poesia Occorreva che nascessi (Marietti 2004) e Sonetti a Cesena (Il Vicolo 2007) e la traduzione de Il cavaliere di bronzo di A.S. Puškin (Raffaelli 2003).